Comunicato stampa del 9 novembre 2015

Da Ufficio Stampa di Cetaceansound-Italy.org 

 

Un sogno diventa realtà.

In questi giorni si è tenuta ad Ancona la visita ufficiale di Richard O’Barry, Fondatore e Presidente dell’Associazione “Ric O’Barry Dolphin Project”. Ric O’Barry si è fatto promotore di un progetto per la tutela dei delfini fortemente voluto dall’Associazione anconetana Cetaceansound-Italy.org.

La collaborazione tra le associazioni nasce dal lavoro svolto ormai da anni dal Presidente di Cetaceansound-Italy.org il Dott. Luca Giovagnoli, Medico Veterinario per l’Associazione americana, con il supporto del Vice Presidente, Dott.ssa Annette Roll.

L’idea del progetto Dolphin Project Italia by Cetaceansound-Italy.org, è la realizzazione di un centro di cure e di riabilitazione per i delfini, lungo la costa del Conero, nella regione Marche al fine di creare, come progetto pilota, un’area naturale dove poter accogliere i delfini spiaggiati o renderli liberi dopo lunghi periodi di cattività.

Un segnale di grande cambiamento per la tutela dell’ambiente e un importante opportunità per la Regione Marche che porterà ad una cooperazione scientifica a livello internazionale.

Ric O’Barry ha incontrato i Rappresentanti della Regione Marche, l’Assessore all’Ambiente Angelo Sciapichetti, il Dott. Claudio Zabaglia, il capo della Segreteria della Presidenza Fabio Sturani ed altri funzionari. E’ anche stato ricevuto alla Capitaneria di Porto di Ancona dall’Ammiraglio Francesco Saverio Ferrara e dal Capitano di Fregata Giuseppe Semeraro. 

L’Associazione Cetaceansound-Italy.org - riconosciuta dalla Regione Marche, con le finalità sociali di  promozione dello studio e della tutela di tutte le creature marine - è stata in prima fila per la presentazione del progetto e la verifica della fattibilità dello stesso. I sopralluoghi sono stati realizzati grazie alla disponibilità della Capitaneria di Porto di Ancona, ai membri dell'Associazione "La Perla del Conero" e dello “Yacht Club Ancona” i quali hanno messo a disposizione mezzi e professionalità per la realizzazione della parte tecnica. Un grazie particolare a Paolo Cori che ha organizzato e supervisionato il tutto.

Nell’occasione si è studiata la fattibilità della realizzazione dell’area utilizzando un sito naturale di estrema importanza per la tutela ambientale. Il progetto, ancora in fase di sviluppo, valuta tutti i possibili aspetti, sia dal punto di vista ambientale che di tutela del patrimonio costiero, cercando di favorire lo sviluppo di un’iniziativa unica nel suo genere che non trova, attualmente, analoghi in nessuno degli Stati membri della Comunità Europea.

La realizzazione di tale progetto porrebbe la regione Marche e tutti i suoi rappresentanti in una condizione di assoluto vantaggio rispetto a tutti i tentativi sin qui fatti di salvaguardare e tutelare i delfini. Tale struttura vede la possibilità di diversi utilizzi: un luogo sicuro e tranquillo, dove poter contenere temporaneamente i delfini, non solo quelli che provengono dai delfinari, ma anche quelli che potrebbero spiaggiarsi lungo le coste, uno specchio di mare dove tutelare anche altre specie marine. Proprio in questo periodo in cui diversi delfinari stanno chiudendo, sarebbe necessario offrire l'opportunità di un centro specialistico per il rilascio dei soggetti in mare.  Il progetto, del tutto indipendente, proposto alla Regione Marche, nasce con l’idea di offrire un’opportunità di tutela e cura delle specie marine, direttamente nel loro ambiente, senza la necessità di spostare gli animali presso altre strutture, in caso di necessità. L’esperienza maturata dal Ric O’Barry Dolphin Project, risulta essere una garanzia di successo negli interventi da effettuare su animali spiaggiati o fortemente compromessi da un punto di vista fisico e mentale.

La visita si è conclusa con un evento presso “Villa Magnolia” di Candia (AN), durante il quale è stato presentato e commentato con Ric O'Barry, il film "The Cove", che gli è valso il Premio Oscar nel 2010 per il miglior documentario ambientalista.

Cetaceansound-Italy.org grazie alla presenza di Ric O’Barry ha voluto avviare una Campagna di Sensibilizzazione per la tutela dei delfini che continuerà con un programma ben definito.

Ric O’Barry da trentotto anni si occupa di protezione di delfini. Dopo essere stato addestratore di delfini e in particolare di “Flipper”, delfino divenuto famoso in America e nel mondo per le sue avventure, a seguito della morte di uno dei cetacei che interpretava Flipper, Ric O’Barry ha compreso l’importanza della libertà per tali animali, trasformandosi da addestratore in strenuo sostenitore della più importante battaglia per la loro tutela in tutto il mondo. Nel 1970 durante la giornata mondiale per la salvaguardia del Pianeta Terra, fonda il Dolphin Project, di cui è tutt’oggi Presidente e il maggior attivista. Nel 1991 riceve il premio di miglior ambientalista, dato dalle Nazioni Unite. Nel 2007 assieme a sua moglie Helene diventa ambasciatore dell' Earth  Island Institute per la tutela dei mammiferi marini. Nel 2009 vince il premio Oscar con il documentario “ The Cove”, relativo alla strage di delfini che ogni anno viene perpetrata a Tajii in Giappone, tutti gli anni, da settembre a marzo. In questa crudele mattanza, vengono uccisi migliaia di delfini e altri vengono acquistati dai parchi acquatici. L’impegno di Mr. O’Barry, come  attivista per la tutela dei delfini lo vede impegnato costantemente in molti paesi del mondo con la sua Associazione, il  Ric O’Barry Dolphin Project.

Riferimenti:   Cetaceansound-Italy.Org  - SS 16 Adriatica, Nr. 49, 60027 Osimo (AN) – Italy

                     F.C. 93130170421               Dec.33.IGR del 17-03-2015

 

                     Segreteria: +39 071 9010963 (GMT+1) -  +39 377 1525177 (GMT+1)

 

www.dolphinproject.net

www.cetaceansound-italy.org

Per supportare questo progetto:

PayPal: cetaceansound@gmail.com